Si è conclusa la prima settimana di LEC che ha portato con sé dei risultati inaspettati. In queste due giornate le squadre hanno messo in campo le loro forze dandoci un assaggio delle loro capacità.

Qui troverete un’analisi dei roster delle squadre partecipanti al LEC

Andremo adesso ad analizzare la classifica attuale, parlando nel dettaglio delle squadre e dei risultati che hanno portato a casa.

Classifica prima settimana LEC
Pos Team Win Loss
1 Misfits Gaming 2 0
1 G2 Esports 2 0
3 Splyce 1 1
3 Excel Esports 1 1
3 Team Vitality 1 1
3 Origen 1 1
3 Schalke 04 1 1
3 SK Gaming 1 1
9 Rogue 0 2
9 Fnatic 0 2

Analisi di tutte le squadre della classifica

Misfits Gaming

misfits gaming

Entrambe le partite giocate dal team dei Misfits Gaming non hanno lasciato dubbi sulla qualità della loro nuova lineup. L’acquisto di Gorilla è stato decisivo per far fare al team quel salto di qualità che gli serviva per arrivare in cima alla classifica. Il livello di pulizia nel micro e macrogame, di comunicazione e l’alto tasso di aggressività dell’intero team, ma soprattutto della duo esplosiva Hans Sama – Gorilla, ha fatto capire alle altre squadre che mai come quest’anno i Misfits sono una squadra da temere.

Da vedere assolutamente: Misfits contro SK Gaming

G2 Esports

g2 esports

L’altra testa di serie del torneo. I G2 sono una vera e propria Powerhouse. Questa settimana sono riusciti a tirar fuori delle ottime fasi di draft, ed una capacità meccanica fuori dagli schemi. La migrazione da parte di Perkz verso la corsia inferiore, in questi due giorni, si è rivelata vincente, in quanto grazie al suo passato da mid laner è in grado di mettere in campo una lineup di Campioni molto vasta. Esempio lampante è stata la Zoe giocata in corsia inferiore nella prima giornata. Insieme ai Misfits, al momento i G2 sono tra i favoriti dello split. L’unica mia riserva è l’esperienza di Perkz come tiratore, se non dovesse riuscire ad adattarsi all’arrivo dei nuovi oggetti da critico, i G2 potrebbero avere una dura battuta d’arresto.

Splyce

splyce

Nelle due partite giocate gli Splyce hanno dimostrato di riuscire a gestire un ottimo early game, che purtroppo non riescono a far fruttare durante le fasi della partita. Questa loro grave mancanza li ha penalizzati nella partita contro i Vitality, all’interno della quale hanno permesso ad una Vayne completamente messa fuori dai giochi in early game, di tornare in partita e carryare il team fight finale quando sul timer rintoccavano i 40 minuti. Da rivedere le strategie attorno alla transizione al mid game

Excel Esports

excel gaming

Dopo un debutto non proprio splendente nella prima giornata, gli Excel sono riusciti a trovare una vittoria convincente contro i Rogue. Nota di merito per il loro controllo degli obiettivi, infatti in entrambe le partite si sono assicurate un buon numero di draghi.

Team Vitality

team vitality

Il team del nostro amato Jiizuke apre lo split cadendo in uno dei classici errori à la Vitality: la danza attorno al Baron. La prima partita contro lo Schalke 04 è stata persa a causa di una loro continua insistenza su un Barone Nashor che gli ha fatto perdere tempo prezioso, controllo di mappa ed in seguito la partita. Fortunatamente per loro il giorno dopo il team degli Splyce ha deciso di fargli un regalo commettendo il loro stesso identico errore. Buona la performance di Attila con Vayne durante le fasi finali della partita.

Origen

origen esports

Gli Origen hanno mostrato tutto sommato un buon livello di gioco durante le prime due partite dello split. Sono stati un po’ sottotono nella prima partita contro i G2 anche a causa di alcune kill andate sfortunatamente nelle mani di Morgana anziché di Draven. Ma anche lì purtroppo per loro i G2 hanno giocato una team composition troppo superiore che scalava molto meglio in late game e riusciva a colpire dalla distanza, non lasciando delle aperture per gli Origen. Nella seconda partita, contro i Fnatic, gli Origen hanno giocato una splendida partita, portata sulle spalle da una fantastica Vayne mid giocata da Nukeduck che ha dato tantissimi problemi al team finalista del mondiale scorso.

Schalke 04

schalke 04

La squadra tedesca è riuscita a dimostrare di avere un buon controllo di mappa. Il loro stile di gioco si è incentrato molto sul punire gli errori dei propri avversari, infatti sono riusciti a vincere la partita contro i Vitality, proprio grazie ad errore decisionale commesso da quest’ultimi. Permettendogli di assicurarsi il Baron, fare un ace pulito e concludere la partita. Durante la partita contro i G2 penso che, a parte l’evidente divario in termini di bravura meccanica da parte dei giocatori, la colpa per la loro sconfitta ricada anche nel coach, a causa della mancanza del ban su Karthus, Campione che durante la giornata precedente si era dimostrato vitale per i G2. Purtroppo i giocatori dopo aver perso il controllo della partita, non sono riusciti a resettare mentalmente e sono andati un po’ in autopilot facendosi trovare spesso fuori posizione.

SK Gaming

sk gaming

È difficile parlare del team degli SK, in quanto hanno giocato due (anche se in realtà sono tre contando il remake contro i Fnatic) partite diametralmente opposte. Durante quelle contro i Fnatic hanno dominato il game dall’inizio alla fine, non lasciando spazio alla squadra di Rekkles e portandosi a casa uno degli upset più inaspettati del torneo. Mentre durante la seconda giornata hanno subito una delle vittorie più schiaccianti della storia del competitivo europeo contro i Misfits.

Rogue Gaming

rogue gaming

Purtroppo per loro, quello del team dei Rogue Gaming è stato un debutto disastroso. Purtroppo per un team completamente nuovo è difficile performare al meglio già dalle prime partite, soprattutto quando non è soltanto la lineup a doversi conoscere, quindi probabilmente servirà loro del tempo per potersi amalgamare ed esprimere il loro potenziale.

Fnatic

fnatic

La perdita del Coach e del Mid Laner ha segnato i Fnatic ben più di quanto pensassimo. Infatti questa settimana i Fnatic hanno subito due cocenti sconfitte, con una performance ben lontana da quella che ricordavamo. Infatti il cambio nella lineup ha fatto crollare quelle che erano le strategie e le sicurezze di questo pilastro europeo. Dobbiamo dare loro il tempo per riassettarsi come team, sperando che riescano a tornare ai fasti dello scorso split.

LASCIA UN COMMENTO

Hey commenta qui!
Inserisci il tuo nome qui